Rinnovo CCNL dipendenti Farmacia Privata

In data 7 settembre 2021 Federfarma e le Organizzazioni Sindacali di categoria FILCAMS, FISASCAT e UILTUCS hanno raggiunto un’intesa siglando un’Ipotesi di Accordo di rinnovo del CCNL dei dipendenti di farmacia privata. 

Tale Ipotesi di accordo è stata poi definitivamente approvata, dall’Assemblea nazionale di Federfarma e dalle OO.SS. dei lavoratori, il giorno 7 ottobre u.s. 

Le parti a breve dovranno incontrarsi per la stesura integrale del nuovo CCNL, che sostituirà quello 29 maggio 2009, recependo i contenuti del suddetto l’Accordo del 7.9.2021. 

Il nuovo CCNL, che scadrà il 31 agosto 2024, definirà, tra l’altro, la nuova classificazione del personale, i nuovi minimi tabellari, il contributo da destinare per il finanziamento dell’Ente bilaterale, l’assistenza sanitaria integrativa e introduce un compenso straordinario per la vaccinazione anti Covid-19.

In particolare, con riferimento alla ridefinizione della classificazione del personale, si segnala la nuova Area Q2 (con retribuzione tabellare incrementata rispetto alla già esistente Area Q3) alla quale appartiene il farmacista collaboratore che abbia maturato un elevato grado di specializzazione, possieda specifiche competenze tecnico professionali (attestate anche mediante la proficua partecipazione a corsi di formazione) e svolga alcune mansioni nell’ambito della c.d. Farmacia dei Servizi, dettagliate nell’art. 4 della citata Ipotesi di Accordo. Peraltro, sempre in materia di Farmacia dei servizi, l’art. 15 affida a una Commissione Paritetica il compito di proporre alle Parti soluzioni che implementino e valorizzino le nuove attività che possono essere svolte anche dal farmacista collaboratore e introdurre ulteriori figure professionali nell’ambito del sistema di inquadramento. 

In merito agli incrementi delle retribuzioni dei dipendenti di farmacia, si rappresenta che queste ultime sono state aggiornate con decorrenza dal 1° novembre 2021. 

Inoltre, per quanto riguarda il compenso straordinario relativo all’attività svolta dai dipendenti durante l’emergenza sanitaria, si evidenzia che, in via del tutto sperimentale, è stato previsto un compenso aggiuntivo non inferiore a 2,00 euro lordi, per ciascuna vaccinazione anti-Covid effettuata dal farmacista, oppure, in alternativa, il professionista può optare per un compenso forfettario annuale nella misura di 200 euro lordi. 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *